Viaggiando verso … Te! La Festa del Ciao raccontata dai protagonisti.

11049521_10207945445583895_7644788495189530163_n

Una biglietteria, accanto ad essa un punto ristoro, in lontananza binari e treni, una voce fuoricampo che annuncia le partenze. Dove ci troviamo? Non c’è dubbio…in una stazione! Ma si tratta di una stazione molto particolare, dalla quale non partono treni uguali agli altri ma un unico, lungo, coloratissimo treno: quello dell’ACR! La stazione di partenza? Broccostella e la sua calorosissima parrocchia. Il binario? Il 25 ottobre 2015. La destinazione? Viaggiare verso…Lui! Proprio così perché anche quest’anno l’ACR ha iniziato il suo cammino con la festa del ciao, festa di apertura delle attività e, soprattutto, festa di ritrovi e di nuovi incontri, la prima festa del ciao della diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo! Un treno carico di sorrisi, volti festosi e abbracci spontanei dei tanti ragazzi accorsi dalle loro parrocchie, che insieme a nuovi e vecchi amici hanno scelto di mettersi in cammino per viaggiare alla scoperta di Gesù.

L’obiettivo di questa festa è stato quello di far incontrare i ragazzi dell’ACR di tutta la diocesi per farli conoscere, per augurargli un buon cammino ma soprattutto per raccontare loro il fantastico scenario che ci accompagnerà in questo nuovo anno associativo. E’ il treno, il più affascinante mezzo di trasporto, con tutti gli incontri che in esso si possono fare, con le mille storie di chi viaggia accanto a noi e che, se anche ci può sembrare molto diverso, magari ci è più simile di quel che avremmo immaginato!

Tutti insieme, famiglie, educatori e ragazzi, abbiamo fatto il biglietto per salire a bordo del nostro treno guidati dalla voce di un capostazione d’eccezione, Gesù, che è quella presenza che spesso non vedi con gli occhi ma non puoi non sentire, che non puoi ignorare perché sarà sempre e solo quella che saprà indicarti la strada giusta da prendere!

I protagonisti della festa sono stati indubbiamente i ragazzi con i loro genitori, che hanno colorato di sorrisi ed entusiasmo l’intera giornata ed è proprio attraverso le loro parole che vogliamo raccontarvela!

La festa del Ciao è stata un’ottima occasione di rivedere tutti i nostri amici delle altre parrocchie della nostra grande Diocesi. Mi sono divertito tantissimo tra varie attività, giochi a squadre, canti e balli senza mai perdere di vista il grande protagonista del nostro incontro: Gesù. Come ha detto anche il nostro Vescovo “Gesù è la via per arrivare al Padre”, per questo durante il viaggio che quest’anno intraprendiamo dobbiamo diventare suoi discepoli seguendo i suoi passi.

(Tiziano, 11 anni)

Questa è la seconda volta che partecipo alla festa del Ciao e mi sono divertita un sacco. E’ stata una giornata esplosiva, piena di emozioni e di divertimento, un alternarsi di giochi e momenti di riflessione. Un grazie gigantesco a tutti i nostri educatori che sempre ci guidano in questo cammino di AC!

(Elisa, 11 anni)

Una festa ricca di emozioni, giochi e divertimento a non finire! Noi tutti, ragazzi di ACR, ci siamo dati appuntamento nella piazza antistante alla chiesa di Santa Maria della stella. Una volta timbrato il biglietto del treno abbiamo confermato la nostra voglia di esserci e di viaggiare tutti insieme verso Gesù. Dopo aver ascoltato la messa celebrata da Don Ercole, tutti noi siamo diventati un grosso treno che viaggiava verso il Palasport di Broccostella dove abbiamo pranzato insieme, siamo stati protagonisti di molti giochi a tema divisi in varie squadre di diversi colori. Dopo tutte le attività del pomeriggio, abbiamo terminato la meravigliosa giornata  insieme al nostro Vescovo, il quale, nel momento di preghiera finale, ci ha ricordato che noi siamo un lunghissimo treno che non deve mai deragliare, perché questo treno deve arrivare a Gesù.”

(Nicholas, 12 anni)

Mi sono divertita un mondo! Quando ho saputo dalla mia educatrice Annarita della festa del Ciao, sono stata entusiasta, mi piaceva l’idea di passare tutti insieme un’altra fantastica giornata. Abbiamo sperimentato la bellezza dello stare insieme, ridere e giocare con amici nuovi.

(Silvia, 13 anni)

La festa del Ciao è stata una giornata coinvolgente che ha riunito i tanti ragazzi ed educatori della nostra diocesi. Un momento di vera festa, di condivisione e di preghiera. Non vedo l’ora di partecipare alla prossima!

(Simone, 10 anni)

Per me è stata una giornata fantastica, ricca di opportunità: l’opportunità di ritrovarci con i ragazzi di altre parrocchie della diocesi, di fare attività diverse dal solito, di cantare e ballare ma anche l’opportunità di pregare con il Vescovo. Una giornata speciale che ci ha indicato il cammino associativo che intraprenderemo quest’anno assieme ai nostri educatori.

(Danilo, 13 anni)

La mia prima festa del Ciao e sono contenta di aver partecipato. E’ stata una giornata intensa, in cui ho conosciuto tanti nuovi amici che come me fanno ACR. E’ bello vedere che siamo proprio tanti e non siamo soli in questo cammino! Abbiamo fatto tanti giochi che ci hanno fatto capire l’importanza della condivisione e dello stare insieme ed è stato bello pregare ringraziando Gesù per questa magnifica esperienza.

(Alice, 10 anni)

Una festa davvero bella e gioiosa, dove ho conosciuto tanti nuovi amici. Quando sono arrivato sono stato accolto dai tanti ragazzi ed educatori con un grande CIAO! Dopo aver fatto il biglietto siamo saliti a bordo del nostro treno che quest’anno, insieme ai nostri educatori, ci porterà verso Gesù! Mi è piaciuto tutto di questa festa soprattutto la benedizione del nostro Vescovo don Gerardo insieme ai nostri genitori durante il momento di preghiera finale.

(Filippo, 9 anni)

Mi è piaciuto tutto della festa, era organizzata alla perfezione. Mi sono divertita perché ho rincontrato i miei amici e i miei educatori e ho creato nuovi legami di amicizia. Se mi chiedessero se volessi ripetere questa giornata,  non ci penserei due volte, la mia risposta sarebbe si, si e ancora si; non cambierei quel giorno nemmeno con tutto l’oro del mondo.

(Federica, 12 anni)

Bellissima questa mia prima festa del CIAO… a quando un’altra?!?

(Errico, 10 anni)

L’ incontro che abbiamo avuto noi adulti alla festa del ciao è stato alquanto interessante e scambievolmente gradito, in momenti per alcuni di noi particolarmente complicati come genitori, non sono mancati i momenti scherzosi che hanno reso il tutto più (voglio usare un termine adatto ai nostri figli) scialla !!!!!”

(Paola)

Per quanto mi riguarda sono stata presente al momento di condivisione tra genitori solo durante la mattinata, ma come al solito quello che porto dentro di me è sempre il sommo piacere di condividere dubbi, perplessità ed incertezze della vita quotidiana con altre mamme e papà di ragazzi in crescita. “Per fortuna che c’è l’AC!” ci siamo detti in tanti quel giorno, che ci offre un valido aiuto per indirizzare lungo percorsi altamente educativi secondo l’esempio di Cristo i nostri ragazzi. Ma anche noi genitori ci siamo riscoperti alla ricerca di rassicurazioni perchè la frenesia della vita quotidiana spesso ci travolge e magari spendiamo fuori casa, sul lavoro ad esempio, gran parte delle energie che invece dovremmo riversare sulla famiglia. Allora ci siamo un pò interrogati proprio sulla fretta, ispirandoci alla figura di Maria, il cui affrettarsi però ci ha rivelato l’accezione positiva del termine legata all’entusiasmo ed alla determinazione. Sono questi due ultimi aspetti che mi son portata dentro dopo l’incontro illuminante di domenica. Grazie e a presto!!

(Cinzia)

L’esperienza dei genitori in coppia nella giornata diocesana adulti è stata splendida perché  abbiamo ascoltato la  parola di Dio con l’entusiasmo del confronto  con altre coppie di genitori alla presenza della Madonna e della Santissima Trinità,  gli educatori ci hanno aiutato ad esprimerci come mai  possibile nella vita frenetica di tutti i giorni che inizia e finisce correndo dietro alle esigenze dei nostri figli.E’ stato meraviglioso  poter capire quanto sia importante  pregare e confrontarti con l’amore  di altri adulti , e altri genitori come noi,  un ringraziamento particolare va gli educatori , bello sapere che  per noi ed i nostri figli c’è  una vera famiglia  come l’azione cattolica per condividere gioie e tristezze della vita con altri genitori.
 è necessario per una coppia un progetto comune  nell’amore di Dio, è questo e solo un punto di partenza per una famiglia dove svilupparsi e crescere, secondo le regole cristiane.
(Marco e Corinne)