Dalle parrocchie alla Diocesi: una festa degli incontri per dare agli accierrini la parola!

13394124_1790279197870049_1432240475246914028_nIl treno dell’ACR quest’anno davvero non conosce stazione d’arrivo ma continua imperterrito il suo viaggio diretto verso un appuntamento speciale ed imperdibile!

L’Azione Cattolica, infatti, ha accolto con entusiasmo l’invito che Papa Francesco ha rivolto alla Chiesa Italiana durante il convegno di Firenze di approfondire l’Evangelii Gaudium e di fare proprie ed applicare praticamente le sue disposizioni. Tuttavia la nostra associazione non ha delegato questo compito solo a giovani ed adulti ma ha pensato di dare la possibilità anche ai più piccoli di lasciarsi interpellare “a loro misura” dalle esortazioni e dalle riflessioni del Santo Padre creando un’occasione d’incontro e confronto, il Festival dei Ragazzi, che si svolgerà nel mese di settembre a Roma, prezioso momento per dare voce a bambini e ragazzi su ambiti della Dottrina Sociale della Chiesa che interessano e attraversano anche le loro vite: Creato, Famiglia e Partecipazione.

Come ha detto Papa Francesco infatti: “La Chiesa in uscita è la comunità di discepoli missionari che prendono l’iniziativa, che si coinvolgono, che accompagnano, che fruttificano e festeggiano”. Queste parole hanno orientato un itinerario fatto di tre tappe, tre attività nelle quali i nostri ragazzi, ciascuno nella propria parrocchia e nella propria fascia d’età, hanno potuto mettersi in gioco con problematiche ambientali, cercare e formulare proposte per migliorare i posti in cui vivono e riflettere sull’importanza e sulla centralità della famiglia nella loro crescita umana e spirituale. Tutti i frutti di queste attività sono stati riportati da ogni parrocchia su tre vagoni, rappresentanti ognuno un ambito (verde per il Creato, rosso per la Famiglia e blu per la Partecipazione), che sono stati uniti tra loro a formare tanti piccoli treni colorati e pieni di spunti e idee, anche pratiche, davvero sorprendenti, dimostrazione che dai bambini e dal loro sguardo innocente e disincantato si può imparare molto ma anche che i nostri ragazzi non vivono in un mondo fiabesco e lontano dalla realtà; al contrario, i ragazzi si guardano intorno, s’interrogano e sono in grado di essere protagonisti di ciò che vivono, di raccontare i loro sogni, di condividere progetti che vogliono mettere in campo per costruire una comunità migliore in cui vivere.

Questo cammino di preparazione al festival però non poteva terminare nelle singole parrocchie! Proprio per questo tutti i ragazzi della nostra ACR diocesana si sono ritrovati lo scorso 5 Giugno ad Aquino per una “Festa degli Incontri” tutta speciale: speciale perché questa volta i ragazzi non si sono solo incontrati per condividere il loro tempo ma si sono scambiati le loro idee, le loro proposte sperimentando già a livello diocesano quello che una delegazione composta da alcuni di loro potrà fare a livello nazionale nel festival di Settembre. Dopo una mattinata di saluti e festa, rallegrata ulteriormente dalla presenza del Vescovo Gerardo che non ci fa mai mancare il suo affetto e la sua vicinanza, e la messa, condivisa con l’accogliente comunità di Aquino, i nostri accierrini si sono raccontati a vicenda le attività che hanno svolto e dopo questo primo momento di condivisione, divisi per fasce, hanno avuto modo di riflettere e condividere ancora. I più piccoli, i ragazzi dai 6 agli 8 anni, hanno trovato delle lettere sparse…il loro compito? Combinarle tra loro in modo da creare una parola, ovvero ABITARE. I ragazzi dai 9 agli 11 anni, invece, si sono sfidati a suon di disegni attraverso i quali dovevano indovinare delle parole: EDUCARE e ANNUNCIARE. Anche i ragazzi dai 12 ai 14 anni si sono cimentati con i disegni ma le parole da indovinare erano ABITARE, USCIRE e TRASFIGURARE. Dunque i cinque verbi che Papa Francesco, proprio nell’Evangelii Gaudium, ha indicato come linee guida per declinare nella quotidianità lo stile del cristiano! Ogni ragazzo di ogni gruppo, una volta scoperto il verbo o i verbi assegnatigli, ha ricevuto tre cartoncini relativi agli ambiti del Creato, della Famiglia e della Partecipazione e su ciascuno di essi ha scritto in che modo un ragazzo dell’ACR può vivere quel verbo, quell’azione nella quotidianità, in famiglia, negli ambienti in cui vive. Durante la preghiera conclusiva, guidata dall’assistente diocesano dell’ACR, Don Ercole, i cartoncini colorati compilati dai ragazzi sono stati mescolati e uniti tra loro per comporre un binario che rappresentasse come i cinque verbi indicati dal Santo Padre non si accostano semplicemente l’uno all’altro ma si intrecciano e attraversano tutti gli ambienti che quotidianamente ciascuno di noi abita!

Sarà proprio quel binario, frutto dell’incontro, della riflessione e del confronto ad essere portato come contributo e segno dalla delegazione diocesana al Festival del Ragazzi!

Con la Festa degli incontri il viaggio dell’ACR in parrocchia finisce, ma anche in questo caso non è la fine del cammino…è solo una fermata! Da qui si parte verso il tempo d’estate eccezionale, naturalmente muniti di biglietto ANDATA e RITORNO….perchè il viaggio perfetto è circolare: la gioia della partenza, la gioia del ritorno!

IMG-20160605-WA0022